Training Mentale e apnea per agire consapevoli negli stadi psicologici
42626
post-template-default,single,single-post,postid-42626,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.5.1,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Training Mentale e Apnea

Rilassare la mente in Acqua

apnea e training mentale

apnea e training mentale aiuta la consapevolezza di sé

Il training mentale e l’apnea hanno sostanzialmente lo scopo di aumentare la consapevolezza delle proprie qualità e dei propri limiti e sono volte all’affermazione del cosiddetto stato alfa genico determinato da tecniche di respirazione, rilassamento, auto convincimento e metabolizzazione delle paure. Le persone che ricorrono al training mentale e all’apnea sono soprattutto quelle che desiderano agire con la consapevolezza delle proprie forze e delle proprie debolezze e gli interessati ad acquisire le tecniche psicologiche da applicare allo sport.

 

 

 

Cause ed effetti del training mentale e dell’apnea

L’apnea può essere raggiunta trattenendo il respiro, assumendo droghe, mediante strangolamento o può essere una conseguenza di una malattia neurologica.

Normalmente un essere umano non può rimanere in apnea per più di uno o due minuti. L’apnea prolungata può determinare gravi danni al cervello o la morte. Questo è dovuto al fatto che il ritmo respiratorio è regolato in modo tale da mantenere invariati i valori di tensione dell’anidride carbonica e di ph del sangue.

Fanno eccezione casi particolari come l’ossigenazione apneica, fenomeno per cui, l’ossigeno può essere introdotto all’interno di una persona anche se questa è apneica. All’interno dei polmoni si crea uno spazio in cui viene immagazzinato più ossigeno rispetto all’anidride carbonica. Essa viene rilasciata per cui l’apnea prolungata non comporta gravi conseguenze.

L’immersione è una buona ginnastica per l training mentale e l’apnea. In particolare consente di migliorare la tolleranza all’apnea, come dimostrato dai migliori apneisti che riescono a trattenere il fiato anche per otto minuti. Ciò che permette di trattenere il respiro più a lungo è la diminuzione del tasso di anidride carbonica nel sangue e nei polmoni.

Al contrario molti credono che ciò che consente di rimanere in apnea più a lungo sia un aumento dell’ossigeno nel sangue. Per questo motivo molti ricorrono iperventilazione per restare in apnea più a lungo. Non considerando il rischio di rimanere senza ossigeno mentre si è sott’acqua con la conseguente perdita dei sensi e nella peggiore delle ipotesi morte per annegamento.

Gli Operatori del benessere di www.hotelbenessere.it

No Comments

Post a Comment